18/6/18

Estate senza macchie e senza paura: come proteggere la pelle prima e durante le vacanze.

Ogni anno, con l’arrivo della bella stagione, torna la voglia di scoprirsi e abbronzarsi. Che si tratti di una giornata in spiaggia o di qualche ora in balcone a prendere un po’ di tintarella, è importante prepararsi adeguatamente prima di esporsi prolungatamente ai raggi solari. Non solo: con i mesi più caldi bisogna tenersi in guardia anche da altri fattori di stress cutanei quali cloro, salsedine, sudore ed altri. In poche parole, è necessario adottare qualche accorgimento in più del solito per proteggere la propria pelle.

Si parte con i rimedi naturali, legati all’alimentazione e alle sane abitudini. È importante consumare frutta e verdura, soprattutto i prodotti di colore giallo e arancione, ricchi di betacarotene che aumenta la produzione di melanina: carote, meloni, peperoni, pesche, albicocche favoriscono un’abbronzatura lunga e duratura. Fondamentale è bere molta acqua, ma anche applicarla alla pelle vaporizzandola, magari in aggiunta ad oli o estratti. Non bisogna sottovalutare l’aiuto che possono fornire integratori specifici, capaci di limitare ulteriormente i danni dei raggi solari.

Altro classico imprescindibile di questo periodo, la crema solare protettiva, necessaria a tutelare la pelle dai raggi ultravioletti del sole. A questo proposito il consiglio è di preferire un livello di protezione alto che, per quanto possa limitare l’abbronzatura, garantisce un effetto schermante assai più benefico.

Per evitare la formazione di macchie, un consiglio utile è quello di evitare l’applicazione diretta del profumo sulla pelle. Questo perché gli psoraleni contenuti nell’essenza potrebbero macchiare l’epidermide in modo permanente.

A livello di trattamenti, è bene accelerare il rinnovamento della pelle effettuando uno scrub viso e adoperando un esfoliante specifico per il corpo, di modo da eliminare cellule morte in eccesso e ridurre i punti neri. Allo stesso tempo, possono giovare sedute di massaggi drenanti, in grado di migliorare la microcircolazione infatica ed eliminare le tossine.

Quando però prevenire non basta, occorre anche sapere come intervenire sulle macchie solari già formate. In questi casi si consiglia, alla sera, l’applicazione di un siero antiossidante a base di alfaidrossiacidi leggeri, che agevolano la rigenerazione delle cellule. Sempre prima di andare a dormire, giovano inoltre sostanze come l’acido mandelico, che tende a tenere sotto controllo la progressione delle macchie. Al mattino invece, soprattutto in città, conviene utilizzare sempre un filtro protettivo 50+ tutto l’anno, con un’applicazione ripetuta nell’arco della giornata a partire dalla primavera.

Condividi
Dott.ssa Valentina Bevelacqua

Dermatologia clinica, pediatrica, dermochirurgia e venereologia.

Consigli su: malattie della pelle delle mucose e veneree, diagnosi delle lesioni pigmentarie mediante dermatoscopia-macchie dei nei, laser terapia ablativa e non (epilazione, macchie, tatuaggi, verruche nei, capillari ecc), malattie dei capelli e unghie, dermatologia estetica.

Privacy Policy Cookie Policy